Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news

RONZANI SULLA DECISIONE DELLA MARGHERITA


RONZANI: UN ERRORE LA DECISIONE DI NON PRESENTARSI SOTTO LO STESSO SIMBOLO ALLE PROSSIME POLITICHE NEL PROPORZIONALE. La Margherita non ritiene che alle prossime politiche ci si debba presentare insieme come Federazione nel proporzionale? E' una posizione che rispetto ma che non condivido e che, anzi, considero un grave errore. Un errore che rappresenterà, lo si voglia o no, una battuta d'arresto di quel processo unitario che insieme avevamo concordato con l'obiettivo di stabilizzare la democrazia dell'alternanza e di dare credibilità alla proposta di governo del centrosinistra, costruendo al suo interno un forte soggetto politico riformista.Inoltre è una decisione che va in controtendenza rispetto a ciò che sempre più spesso chiedono i nostri elettori e sconfessa o comunque, riduce ad un fatto tattico e di mera convenienza, la decisione di presentarsi nelle precedenti elezioni sotto lo stesso simbolo.Infatti, Ds, Margherita, SDI e Repubblicani Europei si erano presentati insieme alle elezioni europee ottenendo un risultato apprezzabile e hanno dato vita alla Federazione alla quale ciascun partito ha concesso una parte della propria sovranità nel quadro di un'azione volta a realizzare, pur con tutta la gradualità necessaria, una casa comune dei riformisti laici, cattolici e di sinistra.Alle Regionali di quest'anno in 8 Regioni italiane i partiti della Federazione avevano deciso di presentarsi con lo stesso simbolo. La logica avrebbe voluto che alle politiche ci si presentasse nel proporzionale col simbolo Uniti nell'Ulivo.Non sarà così. E' come se dicessimo al nostro elettorato: scusate ci siamo sbagliati. In questa situazione parlare di rafforzamento della Fed, come mi pare venga proposto da parte della Margherita, in maniera un po' contraddittoria per la verità, non ha molto senso.Intravedo un grave rischio: che si riapra una competizione elettorale all'interno dei partiti della Federazione e, segnatamente, tra noi e la Margherita per portarsi via qualche voto nel proporzionale nel momento in cui l'obbiettivo avrebbe dovuto essere un altro: consolidare la Federazione, dare credibilità alla proposta di governo del centrosinistra, decidendo di presentarsi sotto lo stesso simbolo nel proporzionale, dar vita ad un soggetto politico riformista capace di rappresentare un elemento di stabilità all'interno della coalizione e di battere il centrodestra e il Governo Berlusconi.Wilmer RonzaniBiella, 20 Maggio 2005  

Login