Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news

RONZANI SULLE DIMISSIONI DI CANUTO DALLA SACE


RONZANI: NUOVI VERTICI SUBITO. Mi auguro che la vicenda della sostituzione dei vertici della Sace, che io ho sempre considerato un normale avvicendamento, non si carichi di significati che non ha e non deve assolutamente avere.I vertici attuali sono scaduti da tempo e sono già stati prorogati una prima volta. Potevano essere ulteriormente prorogati per qualche altro mese in attesa che la società inglese che si è candidata a gestire l'aeroporto presentasse finalmente il '' business plan''. Ma la decisione di Canuto di rendersi indisponibile ad un'ulteriore proroga, consiglia di provvedere subito alla nomina dei nuovi vertici. E io mi auguro che gli Enti che devono effettuare tali nomine lo facciano al più presto indicando persone che dispongano dell'esperienza e della competenza necessarie a gestire una fase delicata come l'attuale, nella quale si tratta di valutare se e attraverso quali iniziative sia possibile realizzare un rilancio dello scalo di Cerrione.In campo esiste da tempo la proposta di una società inglese che si è candidata a gestire l'infrastruttura aeroportuale. Per poterne valutare la credibilità e la percorribilità (tanto più necessarie nel momento in cui si tratta di impegnare nell'operazione anche risorse pubbliche) occorre che la società presenti nel più breve tempo possibile il '' business plan''.Non mi è chiaro perché non sia ancora stato presentato, essendo del tutto evidente che chi, come la Regione, sarà chiamato a concorrere a realizzare una parte degli investimenti necessari, non può non valutare su quali basi progettuali si intenda rilanciare lo scalo biellese.Questo è il problema al quale dovranno dedicarsi i nuovi vertici. Non è mai esistita una divisione tra coloro che sono a favore e coloro che sono contro il rilancio dell'aeroporto, ma la preoccupazione che, trattandosi di un'operazione nella quale verranno impegnate anche ingenti risorse pubbliche, queste siano impiegate per favorire lo sviluppo.Torino, 20 luglio 2005

Login