Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 8 aprile 2018

Confronto con i 5 Stelle



Di fronte all'invito di Di Maio il Pd può far finta di niente o replicare " avete vinto, adesso governate"?
Oppure può auspicare un governo Lega e M5S? Io non lo credo. Il Parlamento è il luogo nel quale si confrontano le posizioni e si raggiungono i necessari compromessi. Il che non significa che da un confronto sui problemi del Paese possa nascere necessariamente una intesa per fare il governo insieme. Ma continuare a negare la utilita' e la possibilità stessa che un tale confronto possa svolgersi sarebbe uno sbaglio.Non si capirebbe perché si siano fatti accordi politici e programmatici con Verdini e ci si rifiuti di confrontarsi con un partito che ha raccolto nel Paese il 37% dei voti.
Sia chiaro: è giusto pretendere che il partito di Di Maio non consideri indifferentemente una alleanza con la destra o una intesa a sinistra e compia una netta scelta di campo.
E nella eventualità che una discussione si apra, dopo il diniego pregiudiziale di queste settimane, vanno indicate con chiarezza alcune discriminanti politico-programmatiche, a partire dal riconoscimento del ruolo dell'Europa e dalla centralità che assumono le questioni del lavoro, ma rifiutarsi di discutere significa consegnare al M5S un formidabile argomento in più.
Il resto si vedrà e dipenderà dalle intese e dai compromessi che sarà eventualmente possibile raggiungere sui contenuti concreti e sulle priorità dell'azione di governo.
Per esempio non è affatto detto che, in presenza di una intesa programmatica ( che è l'unica pregiudiziale che possa e debba essere posta) l'unica alternativa sia rappresentata dalla decisione di formare un governo M5S-Pd. Le soluzioni possono essere diverse, una di queste potrebbe consistere nella decisione consentire ad un governo di nascere per attuare una parte dei punti programmatici concordati.

Login