Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 14 maggio 2018

Il difficile ruolo di Mattarella



Il nome da sottoporre a Mattarella ancora non c'è, forse uscirà dal cilindro questa mattina ma è fuori discussione che questo sia il problema.
Sarebbe stato invece trovato un accordo sul programma che è la somma delle promesse fatte in campagna elettorale dai due partiti, Lega e M5S, indicando coperture finanziarie molto generiche per la verità, fatto questo che ne renderà problematica l'attuazione.
La questione del Presidente del Consiglio e della lista dei Ministri non è di poco conto ed è anche per questo che il Capo dello Stato ha dichiarato che l'ultima parola spetterà a lui.
Sia che si discuta del premier o dei Ministri più importanti la questione è quella della loro credibilità e affidabilità internazionale. La preoccupazione di molti ambienti e che vengano a meno due presupposti di fondo che riguardano le nostre alleanze internazionali e il vincolo Europeo e cioè l'impegno del nostro Paese a partecipare alla costruzione del progetto europeista e non mettere in discussione le alleanze internazionali dell'Italia.
È del tutto evidente che la personalità del Presidente del Consiglio e dei Ministri dovranno essere coerenti con tale impegno.
Mattarella è chiamato a svolgere un ruolo delicato e difficile: non può non tener conto del risultato elettorale che non ha consentito ad uno dei contendenti di ottenere i seggi necessari per formare un governo. E tuttavia quel voto ha espresso una serie di indicazioni che non può sottovalutare perché ha premiato i Partiti che hanno rivolto una critica molto forte contro l'Europa e le sue rigidità.
Per questo il nuovo governo,che sarà composto esattamente da quei partiti, non può non dare in seguito agli impegni assunti in campagna elettorale, purché non si traducano in una linea sovranista o di disimpegno rispetto alla alleanza atlantica.
Va quindi trovato questo punto di equilibrio e mi pare sia questo l'oggetto del confronto in corso in queste ore tra Di Maio e Salvini, da una parte, e il Quirinale, dall'altra.

Login