Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






Biella, 4 gennaio 2019

La protesta dei Sindaci


I Sindaci di alcune importanti città, Palermo, Napoli, Firenze, Parma, il Presidente dell'Anci contestano il decreto sicurezza perché viola i diritti fondamentali della persona e sarà fonte di maggiore insicurezza. Lo avevano criticato aspramente quando era in discussione in Parlamento, chiedendo di essere consultati e proponendo una serie di modifiche che, ovviamente, Salvini ( con il sostegno del M5S) si è ben guardato dall'accogliere. Avrebbero garantito maggiore sicurezza e politiche di integrazione, diversamente da un provvedimento che alimenta l'illegalità e, quindi, potenzialmente può generare meno sicurezza. Il decreto non sarebbe stato incostituzionale. Del resto Salvini è ancora nella condizione di non dover rispondere delle promesse fatte e non mantenute, come quella secondo cui da Ministro dell'interno avrebbe rimpatriato in pochi mesi decine di migliaia di clandestini. Non solo non lo ha fatto, ma non risulta che si stia adoperando per creare le condizioni perché questo possa avvenire in un prossimo futuro. In più ha fatto approvare dal Parlamento, con il concorso di Forza Italia e Fratelli d'italia un provvedimento che aggrava la situazione, anziché tentare di risolverla.
L'Anci ( che esprime il punto di vista dei Comuni italiani) e Sindaci di Palermo, Firenze, Napoli e Parma hanno risposto in modo diverso alla responsabilità di dare attuazione ad alcune norme contenute nel decreto che, tutti, considerano uno scempio umanitario.
L'Anci chiede che si possa riaprire la discussione per correggerlo. Nardella, Sindaco di Firenze, sta cercando con la Caritas e le altre Associazioni di volontariato di dare un tetto alle persone cacciate dai Centri di accoglienza e spinte tra le braccia della criminalità.
Orlando e De Magistris hanno deciso di non applicarlo in alcune parti.
Io credo che questi Primi Cittadini abbiano ragioni da vendere e che il Ministro dell'interno dovrebbe trattarli con rispetto e non arroganza e assoluto disprezzo.
Credo però che la via giusta sia quella si sottoporre le norme del decreto sulla sicurezza al giudizio della Consulta, anche se non ha titolo di censurare il comportamento dei Sindaci di Palermo e di Napoli un Ministro dell'interno che,come segretario della Lega aveva invitato, i Sindaci a non applicare le nuove norme sulle Unioni civili.


Login