Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 10 gennaio 2019

La Lega e il M5S di fronte alla Tav



Avevo descritto la questione Tav come un nervo scoperto nel rapporto Lega e 5 Stelle. Le posizioni dei due alleati di governo sono antitetiche e proprio per questo inconciliabili.
La Lega è vincolata dal Contratto di governo a rimettersi alla valutazione costi benefici ma si sta rendendo conto che Di Maio e Toninelli, potrebbero avergli teso un trappolone; per di più proprio in concomitanza con le elezioni europee e del Piemonte.
È consapevole che un No al completamento dell'opera avrebbe effetti devastanti in tutto il Nord e compromettere il suo rapporto con il mondo delle imprese e le forze sociali. A cascata questo potrebbe rendere assai più problematica la possibilità di tornare al governo del Piemonte, fino a ieri data quasi per scontata. I temi della sicurezza e della immigrazione su cui Salvini ha raddoppiato i consensi possono far breccia in una vasta opinione pubblica, meno tra le imprese che considerano prioritarie altre questioni: dalla legge di stabilità alla Tav.
In più potrebbe alienargli una parte dei consensi provenienti da Forza Italia.
Per questo è scattato l'allarme " verde." La linea finora seguita: " attendiamo le conclusioni dei lavori della Commissione", di fronte ad un eventuale parere negativo non regge, così come non basta dichiararsi a favore dell'opera.
Da qui la decisione di aderire alla manifestazione di sabato organizzata dal movimento pro-Tav.
È il segno della difficoltà in cui forse per la prima volta è venuto a trovarsi il partito di Salvini, ma anche della debolezza della sua posizione.
Perché un partito che ha responsabilità di governo non può pensare di cavarsela così; se davvero e favorevole all'opera deve compiere gli atti conseguenti. Questo però aprirebbe un conflitto con il M5S che dopo i numerosi dietrofront di questi mesi non può cedere anche sulla Tav.

Login