Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 7 gennaio 2019

Irresponsabili


Questo governo di irresponsabili é pronto a tutto pur di accaparrarsi una manciata di voti anche a costo di isolare l'Italia. Non era mai successo che i rapporti con la Francia raggiungessero un tale punto di degrado. Di Maio e Salvini giocano sulla nostra pelle. Prima le elezioni, poi gli italiani e gli interessi del Paese: questa è la linea dei due Vicepremier.
La politica estera viene trasformata in terreno di contesa.
Le buone relazioni della Francia sono questione che viene prima e che prescinde dal governo e dal Presidente-protempore di quel Paese che è il nostro secondo partner commerciale.
La polemica politica andrebbe condotta senza mai perdere la bussola perché una volta che saranno state mandate al macero le relazioni con questo è altri Paesi sarà più difficile, se non impossibile, ricostruire. Proprio per questo una classe dirigente degna non dovrebbe mai far finire la propria politica estera nel tritacarne della campagna elettorale. Invece ogni occasione é buona per individuare un nuovo nemico pur non dover essere costretti a fare i conti con i problemi reali del Paese che si chiamano recessione e declino.
Non mi stancherò mai di ripeterlo: la crisi viene da lontano, ma questo governo ( dopo aver criticato chi l'ha sottovalutata) immagina una crescita che non esiste anche se l'ordine di scuderia e far finta che esista, immaginando scenari che sono solo nella fantasia di chi ci governa.
Perché, e qui torniamo al punto, ci sono le elezioni che decideranno i nuovi rapporti di forza all'interno del governo, se, come è sempre più probabile, Di Maio diventerà azionista di minoranza e Salvini quello di maggioranza,ribaltando la situazione.
Dopo il 26 maggio ci troveremo con un Paese in piena recessione, sempre più isolato in Europa o con alleati ( quelli di Salvini) che ci abbandoneranno al nostro destino e con la necessità di mettere ma o una manovra aggiuntiva, ma questa è l'ultima preoccupazione di questo governo di irresponsabili.

Login