Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 18 maggio 2019

Per la prima volta Salvini è in difficoltà


Salvini non sembra avere in più il vento in poppa e forse per la prima volta la sua avanzata si è arrestata. Se è cosi lo sapremo il 27 maggio, quindi, molto presto.
La sua arroganza, la disinvoltura con cui ha sdoganato i fascisti, le inchieste che coinvolgono i suoi uomini ( per i quali vale come per tutti la presunzione di innocenza), il vittimismo messo in campo dal Capitano che parla di complotti, la bassa produttività del Ministro dell'Interno che continua a fare il Capo della Lega anziche' stare al Ministero ad occuparsi dei problemi veri della sicurezza, possono aver stancato e spaventato una parte della opinione pubblica, generando preoccupazione e allarme.
Le proteste che lo inseguono ovunque e le lenzuola che molte persone espongono sul balcone di casa se il leader leghista tiene un comizio nella loro città, sono il segno di questa difficoltà.
In ogni caso le prese di posizione del Capo Leghista hanno convinto molte persone che finora non lo avevano fatto a mobilitarsi.
Fino a ieri i giornali descrivevano un leader circondato da un consenso crescente. Oggi danno conto di un pezzo d'Italia che sta reagendo e lo scontro non è più soltanto quello tattico tra M5S e Lega che litigano, si lanciano accuse e insulti salvo poi dichiarare che continueranno a governare insieme.
È cresciuta la consapevolezza del pericolo rappresentato dalla destra di Salvini che da una copertura ai gruppi neofascisti e considera il 25 Aprile un derby tra fascisti e comunisti per poter giustificare la complicità con i primi.

Login