Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 8 luglio 2019

Lotti riunisce la sua corrente


Nello scorso fine settimana si è svolta la riunione della corrente che fa capo a Luca Lotti, il quale pur essendosi sospeso dal PD, l'ha aperta con una sua relazione e conclusa. Il che francamente dimostra come si sia trattato di una autosospensione fasulla, verificarasi senza che nessuno abbia proferito parola. La spiegazione è che la corrente di Lotti conta più di 70 parlamentari ed è in grado di condizionare la scelte del PD, ostacolo sul quale si infrangono anche le migliori intenzioni di rinnovamento.
La critica rivolta a Zingaretti e di aver spostato troppo a sinistra l'asse della politica dei democratici; scelta a cui occorre porre rimedio ritornando al PD che avevamo conosciuto in questi anni che si era caratterizzato come una forza centrista. L'altra novità emersa dal dibattito è rappresentata dal superamento della preclusione nei confronti del M5S, all'indomani delle prossime elezioni però.
La prima questione è un nodo ineludibile. Un pd senza una precisa identità, impegnato a mediare tra due linee politiche che non possono essere ricondotte a sintesi, non è né carne né pesce. E questa ambiguità rappresenta un un'ostacolo insormontabile al recupero del rapporto con il proprio elettorato tradizionale.
Sia chiaro si tratta di 2 posizioni legittime che però non è possibile ricomprendere dentro una unica forma partito. Le difficoltà a sviluppare una coerente azione parlamentare in sintonia con le idee di Zingaretti nascono da questo e cioè dal fatto che i gruppi parlamentari sono figli della stagione, delle scelte strategiche e delle politiche centriste della stagione renziana.
Sulla questione del rapporto con il M5S la novità è apprezzabile non solo e non tanto perché una tale accordo sia dietro l'angolo anche la questione potrebbe porsi qualora si aprisse una crisi di governo.Se fosse stata assunta all'indomani delle elezioni politiche, anziché aprire un fuoco di sbarramento, non avremmo consegnato l'Italia a Salvini.

Login