Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






Biella, 29 giugno 2020

Vitalizi, il Consiglio di Garanzia cancella la delibera sui vitalizi.


La decisione di cui si discute in questi giorni riguarda i vitalizi degli ex Senatori e non i vitalizi degli ex deputati, perché ciascun ramo del Parlamento è autonomo nell'assumere le proprie decisioni. Per riguarda gli ex deputati continuano a valere le disposizioni entrate in vigore il 1° gennaio 2019 e che hanno determinato una riduzione dell'assegno tra il 30/50 %. Al Senato invece il Consiglio di Garanzia ha deciso di cancellare gli effetti della delibera che ricalcolava i vitalizi maturati prima che entrasse vigore la riforma del 2011 che gli ha aboliti. Da quella data in poi infatti le pensioni di senatori e di deputati vengono calcolate con il metodo contributivo e corrisposti al compimento del sessantacinquesimo anno di età.
La riforma che ha aboliti i vitalizi non interveniva però sulla situazione preesistente. Lo si è fatto con le 2 delibere adottate degli Uffici di Presidenza di Camera e Senato con cui è stabilito che i vitalizi corrisposti prima che entrasse in vigore la riforma del 2011 andassero ricalcolati retroattivamente con metodo contributivo. In più occasioni la Corte Costituzionale si era pronunciata contro il principio di retroattività. Proprio per questo da piu parti era stato sottolineato come le 2 delibere avrebbero potuto sollevare una serie di eccezioni, determinando contenziosi dall'esito assolutamente incerto.Le Presidenze di Camerace Senato erano quindi state invitate a seguire una via diversa che avrebbe consentito di ottenere lo stesso risultato in termini di risparmio bloccando suo nascere ogni contenzioso
Sarebbe bastato applicare a quei vitalizi un "contributo di solidarietà" dello stesso importo dei tagli che sono stati operati e che la Corte Costituzionale nei suoi vari interventi ha ritenuto legittimo e reiterabile. Questo avrebbe evitato che si creasse questa situazione a cui il Senato deve al più porre rimedio perché, in un momento in cui il Paese è chiamato a fronteggiare una situazione che non ha precedenti, la decisione che è stata presa è inaccettabile e incomprensibile.

Login