Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 27 marzo 2021

Salvini il furbo


L'argomento con il quale "i soliti ambienti" giustificano la proposta di realizzare il nuovo invaso sul torrente Sessera con le risorse del Recovery Fund è che per questa opera esiste il progetto esecutivo. In passato funzionava così.Nonostante le opere che si volevano realizzare non fossero né previste e ne finanziate da parte dei soggetti promotori veniva comunque predisposto il progetto. Molto spesso non era la programmazione territoriale ad individuarle come una " priorità " bensì gli interessi privati, di gruppo e/o categoria che le imponevano al potere pubblico che le inseriva negli nei vari piani. La ricerca dei finanziamenti regionali e/o nazionali per realizzarle avveniva in un secondo momento dopo averle fatta inserire nella programmazione, in molti casi attraverso l'intervento di governi e Amministrazioni compiacenti.
Che sia un'opera inutile, costosa, contraria a qualsiasi idea di sostenibilità ambientale, contro la quale si è mobilitata la Comunità Locale e del tutto ininfluente. Il progetto , finito in un cassetto, è stato rispolverato e la Giunta Cirio lo ha incluso nell'elenco delle opere da finanziare con i 209 mld che arriveranno dall'Unione Europea.
E pur di dimostrarne l'utilità vi è, arrampicandosi sugli specchi, ne spiegato l'utilità ai fini dello sviluppo della vocazione turistica del nostro territorio.
Il Biellese vive da tempo una fase di declino, servirebbero nuove idee e nuovi progetti per tornare a crescere e creare nuovi posti di lavoro buoni.A questo obbiettivo andrebbero finalizzati i finanziamenti europei, in coerenza con ciò che è stato stabilito dalla Unione Europea e attraverso uno sforzo delle forze sociali ed economiche presenti nel territorio. E invece cosa propongono i politici che in questo momento hanno responsabilità di governo? Di ripescare il progetto della diga su Sessera.
Se la proposta di finanziare il progetto con il Piano Next Generation Eu non venisse bloccata e/o bocciata il risultato sarebbe che nel 2026, anno entro il quale dovrebbero essere realizzati tutti i progetti, il Biellese si troverebbe con una diga in più. 300 e più milioni di euro che una classe dirigente seria e avvenuta, con lo sguardo rivolto al futuro impiegherebbe nel modo più efficace e utile possibile, verrebbero buttati dalla finestra.

Login