Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 28 marzo 2021

Serracchiani-Madia scontro senza esclusione di colpi.


Non conosco né la Serracchiani, né la Madia. Della Serracchiani ricordo una sua venuta a Biella in occasione delle elezioni regionali e un suo intervento durante un assemblea di Segretari di Federazione che fece scalpore per le forti critiche che rivolse ai vertici del pd di allora. Da quel momento è stato un crescendo di incarichi: parlamentare europea, Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, deputata e Presidente della Commissione Lavoro. È stata anche lei una Renziana doc e, ultimamente, Zingarettiana. La Madia mi è nota per essere stata Ministra della Funzione Pubblica durante il governo Renzi ma, soprattutto, per la forte denuncia delle degenerazioni che hanno riguardato il Pd romano, accusato dalla Madia di essere una sorta di Associazione a delinquere.
Oggi la Serracchiani e la Madia si contendono la guida del gruppo parlamentare pd alla Camera. Per i più giovani ricordo che quell'incarici ai tempi del Pci/pds/ds venne ricoperto da personalità come Ingrao, Natta, Di Giulio, Napolitano, D'Alema tanto per citare alcuni.
La proposta di sostituire Marcucci e Delrio con due donne è stata avanzata dal nuovo Segretario dem con l'intento di dare un duplice segnale di rinnovamento: eleggere 2 donne alla Presidenza dei gruppi parlamentari di Camera e Senato e provare a disarticolare le correnti interne che agiscono come partiti nel partito.
Con la elezione della sen. Malvezzi al Senato e il ballottaggio tra la Serracchiani e la Madia che si svolgerà domani alla Camera il primoobbiettivoèstatoraggiunto. Il secondo no, a conferma del fatto che la logica delle correnti ( intese come strumenti di potere, perché di questo si tratta) viene accettata e praticata sia dai maschi che dalle femmine.
Ne rappresentano un conferma le polemiche al fulmicotone che in queste ore stanno contrappomendo la Serracchiani e la Madia e la stessa elezione della Malvezzi.
Oggi, infatti, i giornali danno conto della lettera che la Madia ha inviato i deputati per accusare il Presidente dimissionario Delrio di " aver rinunciato al suo ruolo di super partes e di aver giocato sporco" pur di favorire la elezione della Serracchiani che fa parte della stessa corrente di Delrio. Le accuse della Madia sono pesantissime. Ad esse ha risposto a stretto giro di posta Graziano Delrio. Quel che è certo è che sia la elezione della Malvezzi che quella della Serracchiani ( che secondo me è scontata )sono il frutto di un accordo tra le correnti. In qualche modo quindi la loro elezione rappresenta una risposta al nuovo Segretario che aveva auspicato un confronto libero e non condizionato dalle correnti che invece rimangono vive e vedete più che mai. Credo che nessuno si fosse illuso che superarle sarebbe stata una cosa facile, ma adesso è chiaro a tutti che si tratterà di una sfida difficile se non impossibile.

Login