Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






Biella 18 gennaio 2008

Ronzani sulla vicenda Mastella


Ho molte riserve sul modo con il quale il centrosinistra e lo stesso governo Prodi hanno sinora affrontato la vicenda delle dimissioni del Ministro di Grazia e Giustizia, l’on. Clemente Mastella. Non sono in discussione né la presunzione di innocenza di coloro che in questa inchiesta sono stati coinvolti né tantomeno la solidarietà che sotto il profilo umano è stata espressa da esponenti della maggioranza e della minoranza nei confronti del Ministro e delle altre persone indagate. E tuttavia credo che non possano essere condivise alcune prese di posizione dell’ex-Ministro. Mastella si è dimesso compiendo un gesto di grande correttezza (richiesto peraltro da forti ragioni di opportunità) ma poi ha rivolto accuse pesanti nei confronti della magistratura inquirente.
Resto dell’opinione che la sede nella quale difendersi sia quella del processo durante il quale ciascun imputato ha la possibilità di dimostrare la propria innocenza rispetto ai reati che gli vengono contestati e che il compito della politica sia quello di non alimentare un clima di conflitto e di contrapposizione tra i poteri dello Stato.
Al di là dei risvolti penali di questa vicenda che andranno accertati in sede giudiziaria credo però che la politica, tutta la politica, debba riflettere sul permanere e il diffondersi di metodi di gestione della cosa pubblica che si fondano su pratiche clientelari e di potere che sono uno degli aspetti che allontanano sempre di più la politica dalle persone.

Wilmer Ronzani

Login