Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 10 maggio 2022

Il discorso di Putin


Ho ascoltato alcuni passaggi del discorso che Putin ha rivolto al Paese in una cornice e in una scenografia che ci rimandano con la memoria alla storia e ai fasti dell'ex Unione Sovietica.
Sulla Piazza Rossa hanno sfilato soldati e mezzi militari, carri armati e missili e una immensa folla di persone, per i 77 anni dalla sconfitta della Germania di Hitler per mano dell'Armata Rossa.
Sconfitta del nazismo a cui l'Urss ha dato un contributo determinante, pagando un prezzo altissimo, venti milioni di morti tra militari e civili; un contributo del del quale sia la Russia che gli Stati sorti a seguito della dissoluzione della URSS, vanno fieri e sono orgogliosi.
Per Putin le celebrazioni dell'anniversario della vittoria sul nazismo sono state l'occasione per fare appello all'orgoglio del popolo russo e per presentare la decisione di l'aggredire l' Ucraina come la prosecuzione di quella lotta. Pur di stabilire questo assurdo e inesistente parallelismo storico si omette di ricordare che mentre allora ad essere aggredita era stata l'Urss, oggi chi ha aggredito l'Ucraina è la Russia di Putin.
Diversamente da cio' che aveva immaginato però Putin non ha potuto presentarsi come vincitore perché la guerra, provocata da lui, è ancora in corso e l'esito del conflitto e piu' che mai incerto. Oggi il suo obbiettivo è annettere il Donbass dopo aver constatato di non essere riuscito ad insediare un governo amico a Kiev. L'operazione tentata da Putin è chiarissima: far credere al popolo russo che l'aggressione all'Ucraina sia stata determinata dalla necessità di prevenire e di impedire una aggressione della Nato alla Russia e dall'obbiettivo di denazificare l'Ucraina. Siamo di fronte alla riproposizione al tentativo di inventarsi una macchinazione internazionale o l'esistenza di un nemico esterno pronto a colpire per giustificare l'aggressione all'Ucraina e una ulteriore limitazione delle libertà sul piano interno, come è avvenuto e sta avvenendo.
Diciamo le cose come stanno: non esisteva e non esiste una minaccia Nato alla Russia, né tantomeno un rischio di aggressione. Putin per primo sa che una tale eventualità sarebbe impossibile perché avrebbe come unica e inevitabile conseguenza un conflitto mondiale. Inoltre, l'ingresso della Ucraina nella Nato non è mai stato all'ordine del giorno. Perché potesse essere avviata la procedura di adesione sarebbe stato necessario il consenso unanime dei Paesi che fanno parte della Alleanza Attlantica. Sholz e Macron lo avevano escluso il che significa che la richiesta non avrebbe neppure avuto i requisiti per essere esaminata.
Del resto se questa fosse la vera ragione dell'aggressione non si capisce perché Putin non faccia dipendere il cessate il fuoco e la fine della guerra dall'impegno che l'Ucraina mantenga una posizione di neutralità e si ostini invece a voler annettere dopo la Crimea anche il Donbass. Evidentemente il suo vero intendimento è quello di ricostruire in parte l'ex Unione Sovietica nel quadro della riproposizione di una politica di potenza.
Ricordiamolo sempre: la decisione di fornire armi alla Ucraina è stata la conseguenza diretta e naturale della necessità di mettere il popolo Ucraino nella condizione di potersi difendere rispetto, non già ad una minaccia ipotetica , ma rispetto ad una vera e propria aggressione. E siccome l'obbiettivo è porre fine a tale aggressione e ottenere la pace, (una pace che sia rispettosa del diritto all'autodeterminazione del popolo Ucraino e della sicurezza di tutti,compresa quella della Russia) e non la cacciata di Putin, a cui dovranno provvedere semmai i russi, l'Unione Europea deve adoperarsi ancora di piu' affinché, attraverso una vera trattativa, si possa giungere quanto prima ad un cessate il fuoco e alla riaffermazione del diritto all'autodeterminazione dell'Ucraina in un quadro di maggiore sicurezza per tutti.

Cookie policy - Preferenze Cookie

 

Login