Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






foto news
Biella, 27 giugno 2022

Il Pd e il centrosinistra vincono i ballottaggi


Nel 2017 con Renzi su 26 capoluoghi di Provincia che andarono al voto il PD ne conquistò solo 5 e il centrodestra 20. Il ventiseiesimo era Parma dove vinse Pizzarotti.
Dopo il primo turno il pd ha riconquistato Padova e Taranto e ha strappato alla destra Lodi. A Verona nel 2017 non andò neanche al ballottaggio. Ieri nei ballottaggi il pd e il centrosinistra hanno riconquistato Verona, Parma, persa 25 anni fa, Piacenza, Alessandria, Catanzaro, Lucca, Monza. E' vero, solo il 41 % degli elettori ha partecipato al secondo turno di queste elezioni amministrative a conferma di quanto profondo il distacco tra i cittadini e la politica e di come con un aumento della affluenza possa cambiare l'esito delle varie tornate elettorali.
Il centrodestra destra paga le sue divisioni che lo rendono meno credibile e lo indeboliscono. La lotta per la leadership è destinata a durare e la diversa collocazione politico-parlamentare di Lega e Forza Italia, da in parte, e di Fratelli d'Italia, dall'altra, non potrà che accentuare lo scontro con l'approssimarsi delle elezioni politiche. Ma nessuno si illuda: la destra non commettera' l'errore di presentarsi divisa e quella sarà un'altra partita.
Il pd e il centrosinistra hanno vinto esattamente per la ragione contraria e cioè perché hanno parlato il linguaggio della unità e saputo tenere insieme la politica e il civismo.
Lo ha fatto in una condizione non facile, perché una parte delle forze di centro al primo turno si erano presentate con proprie liste nella malcelata speranza di andare al ballottaggio a scapito del partito di Letta e perché il M5S, che il segretario dem ha continuato a considerare un alleato, si è spaccato in due. Lo ha fatto non circoscrivendo l'alleanza ai soli partiti ma aprendola al civismo, cioè a quelle liste che raccolgono la partecipazione e il sostegno di cittadini che non si riconoscono piu' nei partiti.
È" la trama"su cui il segretario dem continuerà a lavorare per costruite partendo dai contenuti, che sono fondamentali per dare credibilità al suo progetto per l'Italia, una alleanza capace di contendere alla destra la leadership del Paese.
È indiscutibile che l'esito di queste elezioni rafforzi la sua leadership e la sua cocciutaggine unitaria, così come è indiscutibile che rappresenti una boccata d'ossigeno per il governo chiamato a decisioni e scelte difficili: dalla fuerra al caro energia, dalla ripresa dell'inflazione, che falcidia il potere d'acquisto delle famiglie, ai bassi salari e ad un aumento della precarietà del lavoro.

Cookie policy - Preferenze Cookie

 

Login