Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani Wilmer Ronzani






Biella, 18 agosto 2022

Crisanti candidato


Salvini parte lancia in resta contro Crisanti, il virologo che ha avuto un ruolo importante nella lotta contro il Covid. Dietro questa polemica fanno capolino le diverse posizioni che i due schieramenti, quello di destra e quello di centrosinistra, hanno assunto per fronteggiare l'emergenza.
A favore dei vaccini, dell'uso delle mascherine, del green pass e del lockdown il centrosinistra che con i governi Conte e Draghi e il Ministro Speranza ha predisposto e sostenuto questi provvedimenti; di critica pregiudiziale nei confronti del governo e di sostegno di fatto alle posizioni del movimento No Vax aderendo alla farneticante tesi che il Paese fosse vittima di una dittatura sanitaria.
In realtà c'è stata una dittatura sanitaria, ma uno stato di emergenza che è iniziato e finito. Che ha avuto dei tempi dettati da un Parlamento e da un governo riconosciuti, ma soprattutto, da quello che stava succedendo nelle nostre case, nei nostri ospedali, nelle nostre cliniche, tra i nostri anziani con la conta drammatica dei morti. Questo è ciò che è successo. E se oggi possiamo ritenerci fuori dall'emergenza è perché che ha avuto responsabilità di governo le ha esercitate anche a costo di apparire impopolare. La destra ha solo saputo soffiare sul fuoco e cavalcare il disagio.
La lotta al Covid ha segnato lo spartiacque tra due linee e purtroppo, occorre constatare, come queste divisioni non vi siano state in altri Paesi nei quali governi e opposizioni hanno collaborato nell'azione di contrasto della pandemia. Non è stato così in Italia, paese nel quale Salvini e la Meloni hanno spesso " civettato " con il movimento No Vax. Mentre il governo e tutti i virologi invitavano a mettersi le mascherine Salvini partecipava a manifestazione e abbracciava le persone senza. Stando così le cose non è quindi strumentale domandarsi cosa sarebbe successo se l'emergenza fosse stata gestita da un governo di destra.
Io credo invece che i dem abbiano fatto bene a Candidare il virologo Crisanti.Perché è agli esperti che nei mesi scorsi tutti hanno fatto riferimento per gestire l'emergenza Covid. Non si capisce allora perché le competenze di un virologo come Crisanti non possano e non debbano essere messe a disposizione del Parlamento e cioè di chi appprova le leggi. Purtroppo però questa destra sa solo metterla in caciara anziché discutere come affrontate dopo l'emergenza Covid i problemi del sistema sanitario pubblico, assicurandone la difesa e il rilancio.
Infine la destra dovrebbe spiegare con quale strategia affronterebbe una nuova emergenza Covid perché quella sostenuta nei mesi passati avrebbe avuto conseguenze drammatiche.

Cookie policy - Preferenze Cookie

 

Login